Carbonara vegetariana ai lupini e finocchietto selvatico

Pubblicato

Chiedo venia innanzi tutto agli amici romani per usato il nome “carbonara” in questa ricetta che della carbonara ha solo l’uovo, ma come chi mi conosce ormai sa amo sperimentare: credo che va bene preservare le ricette tradizionali ma è utilissimo anche sperimentare, perché è sperimentando che l’uomo si è evoluto, in tutti i campi!Bando alle ciance, in questa carbonara vegetariana ho usato i lupini, tostati in olio, che hanno assunto una consistenza croccante che ricorda quella del guanciale nella ricetta originale. Il finocchietto selvatico invece ha un sapore particolare, forte, che nel complesso dona una sapore vagamente simile a quello dell’affumicatura.

Non saró ipocrita dicendovi che assomiglia alla vera carbonara, ma diciamo che è un buon compromesso per chi non può o non vuole mangiarne, o per chi come me vuole sperimentare piatti alternativi a quelli originali, magari osando un po’ 😉

Gli ingredienti usati per una porzione sono: 6-8 lupini sgusciati e tagliati a cubetti, una manciata di finocchietto selvatico (foglie e un po’ di gambo, tagliati finemente). Il tuorlo di un uovo e un po’ di bianco, sbattuti insieme ad un po’ di grana.

Ho soffritto i lupini in un cucchiaio di olio extravergine di oliva (attenzione a non lasciare cuocere troppo altrimenti diventano eccessivamente croccanti), a fine cottura ho aggiunto il finocchietto e l’ho fatto cuocere per 1-2 minuti massimo.

Ho cotto la pasta (linguine), ho spento il fuoco, l’ho scolata, ho aggiunto i lupini con il finocchietto e il loro olio di cottura, e sempre a fuoco spento ho aggiunto l’uovo precedentemente sbattuto con il grana.

Ho amalgamato il tutto e servito!

Rispondi